Con la legge 9 Agosto 2013 n.98 di conversione del Decreto – Legge 21 Giugno 2013 n.69, conosciuto come “Decreto del Fare” sono state introdotte una serie di disposizioni urgenti per il rilancio dell’economia.

In particolare il Titolo I – Misure per la crescita economica, Capo I – Misure per il sostegno alle imprese, art. 2 specifica che le piccole e medie imprese e le microimprese possono accedere a contributi e finanziamenti a tasso agevolato per investimenti anche mediante operazioni di leasing finanziario di macchinari, impianti, beni strumentali d’impresa e attrezzature nuovi di fabbrica ad uso produttivo, e investimenti in hardware, in software e in tecnologie digitali.

Finanziamenti legge 9 Agosto 2013 n.98

Finanziamenti legge 9 Agosto 2013 n.98

Ciascuna impresa, fino al 31 Dicembre 2016, potrà richiedere a copertura totale degli acquisti, un finanziamento a tasso agevolato per una durata massima di 5 anni e per una somma massima di 2 milioni di euro. L’importo massimo previsto al momento per la copertura di tali finanziamenti, e costituito presso la gestione separata di Cassa depositi e prestiti S.p.A, è di 2,5 miliardi di euro incrementabili in futuro fino a 5 miliardi.

Il Ministro dello Sviluppo Economico e il Ministro dell’economia e delle Finanze stabiliranno con un decreto i requisiti e le condizioni di accesso ai contributi, le modalità di erogazione e le relative attività di controllo. Infine attraverso una convenzione tra il Ministro dello sviluppo economico, l’ Associazione Bancaria Italiana e la Cassa Depositi saranno stabiliti i criteri e le condizioni di attribuzione alle banche e agli intermediari finanziari (autorizzati all’esercizio dell’attività di leasing finanziario), aderenti e a cui le imprese dovranno rivolgersi.